Nuovo Obbligo Solleciti per Importi fino a 10mila € :: GEFIL srl
GEFIL SRL
  • PNRR

    PNRR

    È tempo di risorse del per la transizione digitale dei Comuni

    GEFIL Srl è in grado di fornire i servizi, la consulenza e le professionalità necessaria!

  • Da 25 Anni al Servizio dei Comuni

    Da 25 Anni al Servizio dei Comuni

    Gefil è lieta di festeggiare il suo 25° anno di attività con tutti voi!

    BUON ANNIVERSARIO GEFIL!

  • GEFIL SRL tra i soci fondatori di CONFENTRATE

    GEFIL SRL tra i soci fondatori di CONFENTRATE

    L’ associazione di categoria delle aziende che si occupano di supporto alla riscossione delle entrate degli Enti locali

  • COMUNERISPONDE.IT

    COMUNERISPONDE.IT

    Una linea diretta con i Cittadini per chiedere informazioni, discutere o presentare istanze in merito alla propria posizione tributaria

  • F24PAY - LA NUOVA ERA DEI PAGAMENTI NELLA PA

    F24PAY - LA NUOVA ERA DEI PAGAMENTI NELLA PA

    Il servizio che rivoluziona il pagamento e la riscossione dei Tributi

    Il canale di pagamento Innovativo e BREVETTATO che consente di pagare la delega F24 direttamente dallo smartphone con carta di credito e senza nessun costo di commissione

  • Gefil ottiene la certificazione SaaS rilasciata da AGID

    Gefil ottiene la certificazione SaaS rilasciata da AGID

    INFO-TRIBUTI WEB è ufficialmente qualificata nel Catalogo Cloud per la PA

    Dal 1° aprile la PA potrà acquisire solo servizi Cloud qualificati e pubblicati sul Catalogo AgID

  • PORTALE TRIBUTI

    PORTALE TRIBUTI

    Il canale e.Gov per una Gestione Partecipata della Fiscalità Locale

    La piattaforma Web, attiva H24 7X7, che facilita il contatto con i cittadini in un’ottica di semplificazione amministrativa

  • INFO-TRIBUTI Cloud

    INFO-TRIBUTI Cloud

    La Piattaforma Gestionale agile e moderna che garantisce una gestione Efficace delle Entrate Comuni

  • RISCOSSIONE COATTIVA

    RISCOSSIONE COATTIVA

    SERVIZIO DI SUPPORTO ALLA RISCOSSIONE COATTIVA DIRETTA MEDIANTE INGIUNZIONE FISCALE

  • OpenTourist

    OpenTourist

    Gestionale Imposta di Soggiorno

    La Piattaforma che trasforma l’imposta di soggiorno in opportunità per la Promozione del Territorio e del Turismo


GEFIL INFORMA_Nuova incombenza per i Comuni

Nuovo Obbligo Solleciti per Importi fino a 10mila €
L’emissione spetta anche quando il recupero coattivo è affidato all’agenzia delle Entrate-Riscossione


I solleciti di pagamento propedeutici ad attivare le procedure esecutive per importi fino a 10.000 euro devono essere emessi dai Comuni anche in caso di affidamento dell’attività all’agenzia delle Entrate-Riscossione (Ader). È quanto affermato dal Dipartimento delle Finanze a Telefisco 2022, in risposta ad alcuni quesiti sulla riscossione coattiva, riguardanti anche le modalità di invio dei solleciti ex legge 160/2019.

Sono i primi atti che devono essere inviati ai debitori, dopo la notifica del titolo esecutivo di importo fino a 10.000 euro, per avvisare che sono scaduti i termini previsti per il pagamento di quanto richiesto, concedendo comunque ulteriori 30 giorni di tempo (60 giorni per importi fino a 1.000 euro) prima di attivare le procedure cautelari ed esecutive (fermo, ipoteca, pignoramento).

Il Mef ritiene che, in caso di affidamento della riscossione coattiva ad Ader, i solleciti devono essere emessi dal Comune, trattandosi di adempimenti da effettuare prima che il carico venga affidato al soggetto che riscuote. Peraltro, la disposizione che prevede l’invio dei solleciti (legge 160/19, comma 795) non è richiamata dalla norma che riguarda l’agente nazionale della riscossione (comma 785), per cui i solleciti devono essere inviati dai soggetti che emettono l’atto di accertamento, cioè dai Comuni.

La posizione del Mef non è del tutto convincente, poiché l’invio dei solleciti è previsto prima dell’inizio delle azioni esecutive e cautelari, e non già prima dell’affidamento del carico. Sarebbe più in linea con il richiamo al comma 785 sostenere l’inapplicabilità dei solleciti in caso di affidamento della riscossione coattiva all’Ader, piuttosto che demandare l’onere ai Comuni.

In ordine alle modalità di invio dei solleciti, il Mef chiarisce che può essere utilizzato il canale della posta ordinaria, demandando all’ente impositore la previsione di altre forme di comunicazione più garantiste, con modalità tracciabili (raccomandata, Pec, eccetera).

Testata: Il Sole 24 Ore
Data: 31/01/2022

Di Giuseppe Debenedetto